ad_anno_europeo_volontariato.jpg
ad_5x1000.jpg
ad_placeholder

8 marzo 2015

8_marzo

Tutto è incominciato con un fiore.
E non perché le donne non si toccano neanche con un fiore.
O perché alle donne piacciono i fiori, si sa.
O perché le donne sono delicate, o peggio, profumano come fiori, o altre assurdità simili intrise dei più sconfortanti stereotipi di genere, che si servono dell’angelicazione del soggetto femminile per renderlo debole, impotente e subalterno a quello maschile.
Tutto è incominciato con un fiore
perché la mimosa era, è stata ed è il simbolo dell’emancipazione e della libertà femminile e , quindi, della piena cittadinanza delle donne;
perché comprare la mimosa per sé non è casuale, ma è decisamente un atto politico;
perché la mimosa non vuol dire celebrare o commemorare qualcosa (che cosa c’è mai da festeggiare se ogni tre giorni una donna viene ammazzata perché donna?), ma vuol dire riportare per un giorno l’attenzione pubblica sul lavoro quotidiano che l’Udi fa da 70 anni per rendere più abitabile la società in cui tutte e tutti noi viviamo;
perché senza la mimosa, l’Udi e le donne nate oggi con una buona dose di diritti in tasca non esisterebbero.
Ed è per questo che io, come spero anche voi, mi sentirò sempre in debito di una mimosa.
Serena Ballista
Presidente Udi Modena
“Tutto è incominciato con un fiore.
E non perché le donne non si toccano neanche con un fiore.
O perché alle donne piacciono i fiori, si sa.
O perché le donne sono delicate, o peggio, profumano come fiori, o altre assurdità simili intrise dei più sconfortanti stereotipi di genere, che si servono dell’angelicazione del soggetto femminile per renderlo debole, impotente e subalterno a quello maschile.
Tutto è incominciato con un fiore
perché la mimosa era, è stata ed è il simbolo dell’emancipazione e della libertà femminile e , quindi, della piena cittadinanza delle donne;
perché comprare la mimosa per sé non è casuale, ma è decisamente un atto politico;
perché la mimosa non vuol dire celebrare o commemorare qualcosa (che cosa c’è mai da festeggiare se ogni tre giorni una donna viene ammazzata perché donna?), ma vuol dire riportare per un giorno l’attenzione pubblica sul lavoro quotidiano che l’Udi fa da 70 anni per rendere più abitabile la società in cui tutte e tutti noi viviamo;
perché senza la mimosa, l’Udi e le donne nate oggi con una buona dose di diritti in tasca non esisterebbero.
Ed è per questo che io, come spero anche voi, mi sentirò sempre in debito di una mimosa”.
Serena Ballista
Presidente Udi Modena

Comments are closed.